Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
14/06/2021

Offensiva nell’ambito della digitalizzazione in Alto Adige

L’Unione sostiene le aziende commerciali nello sviluppo digitale

Il presidente dell’Unione Philipp Moser.
Accompagnare e far sviluppare le aziende commerciali in Alto Adige verso un futuro tecnologico e digitale: l’Unione ha lanciato un’offensiva per incentivare la digitalizzazione tra le imprese associate.  “Per stimolare e incentivare i circuiti economici e il consumo locale, è necessario anche un riorientamento da parte delle aziende in materia di digitalizzazione e nuovi canali di vendita”, afferma il presidente dell’Unione Philipp Moser. “Nel corso dell’anno passato, durante le chiusure forzate subite dal settore, molte aziende del commercio stazionario hanno potuto e dovuto rivolgersi tempestivamente agli strumenti virtuali”, ricorda il presidente.

Fin da subito l’Unione offre diverse misure di sostegno per la digitalizzazione: sono comprese consulenze specializzate in ambito fiscale, legale e aziendale nel campo dell’e-commerce, un’offerta formativa dedicata nonché otto pacchetti di interventi su misura per la digitalizzazione per ottenere, tra le altre cose, l’allestimento di un negozio online.

“Siamo lieti soprattutto del fatto che questa offerta viene messa a disposizione da circa 15 aziende locali del settore IT e internet presenti in tutto l’Alto Adige. In questo modo possiamo anche sostenere i prestatori di servizi professionali a livello provinciale fornendo anche una piattaforma organica” spiega Moser.

Del commercio locale, intanto, non fa più solo parte il commercio stazionario, ma anche la sua variante elettronica, un ambito nel quale l’Alto Adige segna un importante tendenza. “Nei mesi passati abbiamo capito che, nel corso della nostra vita quotidiana, dovremmo tornare a pensare regionale. In tempi record, l’interesse dei consumatori si è rivolto a merci, alimentari e servizi locali. La nostra economica, segnata da una rete di microstrutture, vive soprattutto di regionalità e di prodotti e servizi locali. Questi circuiti vanno quindi incentivati di conseguenza, preparando anche le aziende ad affrontare le sfide che essi comportano, sia in ambito stazionario che online. Dobbiamo quindi agire di comune accordo per rafforzare l’offerta e modernizzare l’offerta già esistente”, sottolinea in conclusione Philipp Moser.

Tutti gli interventi di sostegno alla digitalizzazione delle aziende commerciali altoatesine sono consultabili online su: www.unione-bz.it/digitalizzazione.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

20/07/2021

Gestori di centri fitness dell’Alto Adige: “Abbiamo bisogno di regole eque – come nel resto d’Italia”

Anche dopo che il resto dell’economia altoatesina ha potuto finalmente tornare a un’attività quasi normale, i centri fitness devono ancora lottare contro limitazioni severissime: a provocare la rabbia dei gestori è soprattutto il fatto che, in Alto ...
 
 

13/07/2021

A partire da 16 luglio 4 settimane di saldi estivi in Alto Adige

L’Unione  e la Camera di commercio di Bolzano hanno fissato l’inizio dei saldi estivi in Alto Adige al 16 luglio. La durata dei saldi è di 4 settimane. L’Unione rimane convinta dell’importanza di questo strumento di vendita. “Le svendite di ...
 
 

09/07/2021

Vaccinare, vaccinare, vaccinare

L'Alto Adige deve continuare ad attuare coerentemente la sua strategia di vaccinazione e continuare a sensibilizzare e convincere la gente, sottolinea l’Unione. “Siamo chiaramente e inequivocabilmente a favore della vaccinazione. Riteniamo ...
 
 

08/07/2021

In Alto Adige non è estate senza lo shopping serale in paesi e città

Diventate ormai parte integrante del programma estivo dell’Alto Adige, negli anni passati le circa 200 serate di shopping, con il loro vario programma di contorno, hanno animato oltre 30 centri urbani dell’Alto Adige. “Si è trattato sempre di ...