Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
22/02/2021

Maggiore richiesta di libri

Come va il commercio di libri durante la crisi:  In Alto Adige, il primo lockdown della scorsa primavera, ha comportato gravi difficoltà per il commercio di libri. Tuttavia, dopo la classificazione dei libri quali beni essenziali, le librerie hanno potuto riaprire i battenti a prescindere dal colore della zona.

Un grande ringraziamento: Le librerie non sono luoghi di assembramento, ma luoghi in cui tutto è pensato e allestito per garantire a clienti e collaboratori un ambiente di lavoro sicuro. Molti hanno impiegati grandi sforzi in un proprio piano igienico. “Bisogna ringraziare moltissimo il Governo e, in particolare il ministro della cultura Dario Franceschini e, a livello locale, il presidente della Provincia Arno Kompatscher, per averci inseriti tra le attività
essenziali. Pensiamo solo a Francia, Germania e Austria, dove le librerie hanno dovuto chiudere insieme a tutte le altre attività di commercio al dettaglio”, afferma la presidente Susanna Valtiner.

Gli shop online sono molto apprezzati: 
Fino al tardo autunno 2020 le librerie altoatesine hanno accusato cali di fatturato, ma nell’ultimo trimestre la situazione è migliorata. “Si può dire che è andata meglio del previsto”, ammette Valtiner. “Già da anni curiamo dei negozi online che permettono di ordinare i libri da casa per poi ritirarli da noi. Durante la pandemia è naturalmente cresciuto anche l’invio di libri, ma generalmente direi che, anche durante il lockdown, le librerie sono state in grado di lavorare professionalmente, grazie ai propri negozi online, e rimanere sempre al fianco dei propri clienti”.

La chiusura delle scuole mette a rischio le competenze di lettura: 
“Da un punto di vista della società, la chiusura delle scuole ci preoccupa molto, perché già oggi le competenze di lettura sono insufficienti, e un perdurare di questa situazione non potrà che peggiorare la situazione”, conclude la presidente dei librai.
 
Susanna Valtiner
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Christine Walzl

Categorie
Segretaria di categoria
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 514
E-mail:
Bozen
 
 
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

13/10/2020

18app, attivazione del registro vendite

Dallo scorso mese di febbraio, le fatture emesse dai librai verso il Ministero dei Beni Culturali e relative agli acquisti di libri compiuti dai diciottenni tramite il voucher del bonus cultura, andranno inviate e accettate sul sito di Consap ...
 
 

05/10/2020

Bonus librerie: richieste fino al 23 ottobre

Le domande per “bonus librerie 2020” possono essere presentate entro le ore 12.00 del 23.10.2020 esclusivamente in via telematica tramite lo specifico portale messo a disposizione dallo stesso Ministero dei Beni Artistici, Attività Culturali, ...
 
 

07/02/2020

I librai nell’Unione incontrano l’assessore Achammer

I librai nell’Unione si sono recentemente incontrati con l’assessore provinciale all’economia Philipp Achammer con lo scopo di sottoporre le necessità della categoria e discutere di alcuni temi di grande importanza, tra cui l’assegnazione di ...