Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
09/08/2019

Completamento dei centri commerciali dopo la sentenza Twenty

L’Unione: “Una soluzione di compromesso che ricorda il mercato del bestiame”

Risale a inizio luglio la sentenza del Tar che, accogliendo il ricorso presentato da Aspiag e Tosolini, metterebbe a rischio le licenze – e di fatto la stessa esistenza – del centro commerciale Twenty di via Galilei a Bolzano. È invece di questi giorni la proposta di siglare una sorta di “compromesso” tra tutte le parti coinvolte tanto semplice quanto estremo: tutti ritirino i rispettivi ricorsi e tutti completino i relativi progetti commerciali, eventualmente anche riducendone le dimensioni. Una soluzione che l’Unione commercio turismo servizi Alto Adige respinge con estrema forza.

“Siamo al mercato del bestiame: tu mi dai tanto, io ti do tanto in cambio. E se certamente è auspicabile una riduzione dei numerosi ricorsi ancora aperti da anni, non è possibile che ciò si realizzi ignorando le vigenti sul commercio. Il significato di un simile risultato sarebbe chiaro: alla fine vincono sempre i più forti”, afferma con legittimo disappunto il presidente dell’Unione Philipp Moser. “Non è così – per citare una delle parti – che si garantirebbe l’equilibrio in ambito commerciale. Un sano equilibrio commerciale è dato dalla presenza di attori di tutte le dimensioni, con la necessaria salvaguardia dei rapporti di forza tra piccole, medie e grandi aziende”, aggiunge Moser.

In effetti per garantire questo equilibrio nel 2018 c’è stata una modifica della legge urbanistica che prevede che per il commercio al dettaglio nelle zone produttive devono essere definite apposite aree individuate su iniziativa della giunta provinciale.

L’Unione è da sempre favorevole a nuove aperture e nuovi stimoli in ambito commerciale, purché ciò avvenga nel rispetto della legge, con criteri chiari, univoci e, soprattutto validi per tutti. “Il commercio – conclude il presidente Moser – deve rimanere dove vive la gente, cioè nei centri urbani e nelle zone residenziali, siano esse centrali o periferiche. Solo così sarà possibile continuare a garantire la vitalità e la forza attrattiva di paesi e città mantenendone, allo stesso tempo il tessuto sociale e la qualità della vita”.

 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

21/08/2019

Il teatro dei burattini a Roma è la morte dell’economia

L’Italia è sottoposta alla minaccia di un aumento dell’aliquota IVA dall’attuale 22 al 25,2 percento. Un incremento che si avvertirebbe con particolare forza in un territorio di confine come Alto Adige, afferma con preoccupazione l’Unione commercio ...
 
 

20/08/2019

L’Unione assiste le aziende della gastronomia coinvolte nel contenzioso

Si è svolta lo scorso febbraio, presso il tribunale di Genova, la prima riunione delle aziende creditrici di QUI! Group Spa, la società di emissione degli omonimi buoni pasto utilizzati su tutto il territorio nazionale, Alto Adige compreso, in ...
 
 

14/08/2019

Nuova regolamentazione dei saldi di fine stagione in Alto Adige

L’Unione auspica una nuova regolamentazione nel processo di scelta delle date dei saldi di fine stagione in Alto Adige. Le svendite stagionali, di norma, durano 6 settimane e prendono il via già a inizio luglio ovvero gennaio. “Le date di inizio ...
 
 

12/08/2019

Gli editori nell’Unione organizzano il Bazar dei libri a Bolzano

Dal 15 agosto, in piazza Walther a Bolzano, si potranno acquistare libri interessanti a prezzo di favore. Dopo il grande successo degli anni scorsi, gli editori nell’Unione, in collaborazione con il Comune di Bolzano, tornano nuovamente a ...