Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
08/11/2019

Approvato il nuovo Ordinamento del commercio

L’Unione: “Più certezza giuridica e per la programmazione delle aziende”

Il presidente dell’Unione Philipp Moser.
L’Unione accoglie con favore l’approvazione, da parte del Consiglio provinciale, del nuovo Ordinamento sul commercio. “Si tratta di una pietra miliare e di un’ulteriore conferma della filosofia altoatesina in ambito commerciale, in grado anche di dare maggiore chiarezza al quadro giuridico”, afferma soddisfatto il presidente dell’Unione Philipp Moser in un primo commento. L’Unione ha collaborato in maniera determinante all’elaborazione della nuova legge provinciale.

Tra le altre cose, è prevista una regolamentazione più chiara delle autorizzazioni all’attività commerciale per le nuove aperture di tutte le grandezze nelle zone residenziali e non residenziali. Ciò vuol dire, per esempio, che per l’esercizio del commercio al dettaglio a partire da superfici commerciali di 800 metri quadrati (in Comuni fino a 10.00 abitanti) e di 1.500 metri quadrati (in Comuni sopra i 10.000 abitanti) sia richiesta la relativa autorizzazione commerciale. In questi casi la semplice segnalazione certificata di inizio attività (Scia) non è più sufficiente. “Ciò comporta anche una maggiore sicurezza giuridica e di programmazione per le aziende”, aggiunge Moser.

Ora bisogna elaborare le relative norme di attuazione, così da garantire un’applicazione della nuova legge commerciale nella maniera più semplice possibile.

“Noi accogliamo sempre con favore nuovi insediamenti commerciali in Alto Adige, siano essi piccoli, medi o grandi, se questi avvengono nei centri urbani e nelle zone residenziali, garantendo così un corretto equilibrio tra negozi piccoli e medi a conduzione familiare ed esercizi della grande distribuzione”, ribadisce Moser. “A questo scopo serve certezza del diritto con norme e leggi chiare, valide per tutti gli attori in gioco e applicate e controllate con coerenza”, conclude il presidente.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

22/11/2019

Laives: al via l’iniziativa “Uno scontrino per la scuola”

A Laives sono molte le piccole aziende a conduzione familiare del commercio al dettaglio che danno vita a un’offerta varia e un centro urbano vivace assolvendo, allo stesso tempo, a un’importante funzione sociale, perché garantiscono il commercio di ...
 
 

21/11/2019

L’EbK premia apprendisti, studenti e aziende

Anche quest’anno l’EbK – Ente bilaterale per il commercio e i servizi, torna a premiare i migliori apprendisti e studenti altoatesini del settore commercio e amministrazione. Tutti gli studenti che, alla fine della formazione scolastica, abbiano ...
 
 

20/11/2019

Il denaro rimane in Alto Adige!

Nei centri urbani dell’Alto Adige, con la carta valore “monni card”, nel 2018 sono stati messi in circolo 930.000 euro. Con questa nuova carta shopping l’Unione si è posta l’obiettivo di rafforzare i circuiti economici locali e consolidare il potere ...
 
 

15/11/2019

Giornata del commercio 2019: mantenere i clienti, conquistarne di nuovi

In occasione della “Giornata del commercio” tenutasi questa sera (giovedì, 14 novembre 2019), presso il Four Points by Sheraton, i commercianti al dettaglio dell’Alto Adige hanno ricevuto utili suggerimenti su come mantenere i propri ...