Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
03/10/2018

Al via una campagna informativa provinciale in 40 scuole

L’Unione presenta 19 profili professionali del settore commercio e servizi

“My Way” – questo è il nome della nuova iniziativa dell’Unione destinata ai giovani che vogliono trovare la propria strada nel mondo del lavoro. “Con questo progetto vogliamo mostrare agli studenti quanto siano interessanti e vari i mestieri nel settore del commercio, dei servizi e della gastronomia e quali possibilità siano in grado di offrire. Inoltre vogliamo anche valorizzare queste professioni per attirare nuovi collaboratori per il nostro settore”, spiega il presidente dell’Unione Philipp Moser.

Nel corso di quest’anno scolastico l’Unione sta visitando molte scuole nell’ambito di una campagna informativa provinciale. Fino a maggio 2019 sono in programma circa 40 visite scolastiche, 25 lezioni con gli esperti e 20 visite aziendali. Gli studenti delle scuole medie saranno informati sulle opportunità di formazione e carriera offerte da 19 professioni, gli imprenditori forniranno una panoramica delle proprie aziende e i giovani racconteranno ai coetanei le loro prime esperienze nel mondo del lavoro. Nelle scuole superiori e professionali, invece, gli imprenditori affronteranno soprattutto temi quali il marketing, la creazione d’impresa o la pubblicità. Oltre a questo l’Unione organizza anche le Giornate dietro le quinte, in occasione delle quali aziende del settore commercio e servizi aprono le proprie porte ai giovani per presentare loro la quotidianità del lavoro e le figure professionali dei collaboratori.

“Può capitare dopo la scuola media, dopo la scuola superiore o anche dopo la laurea, ma prima o poi ci troviamo tutti di fronte a una decisione importante: come vado avanti? Cosa voglio fare della mia vita?”, spiega la responsabile dei progetti per i giovani nell’Unione Sarah Seebacher. “La ricerca della strada giusta, del mestiere più adatto, non è facile e presenta molte svolte e deviazioni. Non importa se si tratta del mestiere di venditore, pasticcere, media design o consulente aziendale: forniamo volentieri una panoramica su questi e altri 15 mestieri nonché sui requisiti necessari a eseguirli”.

Il presidente Moser mette in chiaro che si tratta soprattutto di formare collaboratori qualificati: “I giovani con una formazione di alto livello sono molto richiesti dai negozi specializzati e dalle aziende dell’Alto Adige, e hanno quindi ottime chance sul mercato del lavoro – anche relativamente all’aspetto della retribuzione, che sarà adeguata al livello delle loro prestazioni e competenze. Nella maggioranza dei casi si tratta di figure professionali votate alla consulenza e che prevedono inoltre contratti a tempo indeterminato”, conclude Moser.

L’iniziativa è seguita online dalla nuova pagina informativa myway.bz.it.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Sarah Seebacher, MA

Formazione professionale e progetti per i giovani
Responsabile
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 510
E-mail:
 
 
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

20/02/2019

La Giunta esecutiva incontra l'assessore Achammer

I membri della Giunta esecutiva, il massimo organo associativo dell’Unione, si sono recentemente incontrati per la prima volta con il nuovo assessore provinciale al commercio e servizi Philipp Achammer. All’ordine del giorno erano presenti diversi ...
 
 

12/02/2019

Le Giornate dietro le quinte conquistano i giovani

Uno sguardo reale e orientato alla pratica in numerosi mestieri del settore commercio e servizi è quanto hanno ricevuto di recente i giovani partecipanti all’iniziativa della Giornate dietro le quinte organizzate ogni anno dall’Unione. Numerose ...
 
 

11/02/2019

Commercio online: necessaria più parità di trattamento fiscale

Secondo una recente ricerca dell’Istituto provinciale di statistica ASTAT, con il 47 percento, la quota di acquirenti online in Alto Adige è inferiore a quella della maggioranza dei paesi UE, in particolare della vicina Austria (60 percento). Va ...
 
 

01/02/2019

Aperture domenicali e festive: soluzione altoatesina

Il nuovo Disegno di legge dei due partiti di governo in materia di aperture domenicali e festive nel commercio al dettaglio è arrivata in questi giorni alla competente commissione Attività produttive della Camera e sarà ora oggetto di discussione ...