24/11/2022

Nuovo direttivo per i liberi distributori

“La funzione strategica della rete dei distributori in Alto Adige”

da sin. Theodor Lanthaler, Richard Kompatscher, il presidente Haimo Staffler e il vicepresidente Walter Gasser.
Walter Gasser (Mebo Sud), Richard Kompatscher (Mebo Rast), Theodor Lanthaler (EUM) e Haimo Staffler (Multi Energy) sono i componenti del nuovo direttivo dei liberi distributori nell’Unione commercio turismo servizi Alto Adige. L’elezione si è tenuta di recente presso la sede centrale dell’Unione a Bolzano. Nella seguente prima riunione costituente del direttivo Haimo Staffler è stato confermato alla presidenza, mentre il vicepresidente è Walter Gasser. Sul tema cui è stata dedicata l’annuale assemblea generale, cioè “Innovazione tecnologica nel settore delle colonnine di ricarica” sono intervenuti Andreas Lastei, CEO della ditta Alpitronic, l’ingegnere Massimo Minighini e Daniel Campisi di Alperia/Neogy. Alpitronic, azienda leader nel settore delle colonnine per la ricarica rapida, ha presentato alcune interessanti soluzioni per la ricarica pubblica di veicoli elettrici nonché l’evoluzione vissuta negli ultimi dieci anni e una previsione dei prossimi. Il futuro si chiama Hypercharge, un processo di ricarica che dovrebbe permettere di riempire le batterie delle auto elettriche in un massimo di 8/10 minuti.

La rete dei distributori è un partner importante, perché il cliente non cerca solo un punto di ricarica, ma vuole accedere anche a servizi quali il bar e un negozio. Con Alperia/Neogy, partner di Alpitronic in Alto Adige, è già possibile accedere a interessanti offerte per i gestori di impianti di distribuzione carburanti.

Il direttivo ha già affrontato alcuni temi sui quali intende tornare anche in futuro. “La funzione strategica di una rete di distributori è sconosciuta ai più. Deve essere manifestato con più efficacia anche il potenziale ancora inespresso. I numeri ci dicono che, grazie al lavoro dei circa 150 distributori dell’Alto Adige, la Provincia ricava annualmente entrate fiscali (accise) per 200 milioni di euro, senza prevedere una contropartita a beneficio dei distributori stessi. Non è possibile che tutti i rischi (come, per esempio, i crediti ai clienti o i pagamenti anticipati) siano esclusivamente a carico dell’imprenditore”, afferma il presidente Haimo Staffler.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

01/12/2022

“Le iniziative natalizie creano una bella atmosfera!”

“Nonostante le molte sfide cui sono sottoposte economia e società in questo periodo storico, gli imprenditori guardano al vicino futuro con un leggero ottimismo”, assicura Christian Giuliani, presidente del mandamento Bolzano ...
 
 

28/11/2022

I clienti possono continuare a pagare i dispositivi medici in contanti

Gli ottici-optometristi nell’Unione commercio turismo servizi Alto Adige hanno recentemente fatto chiarezza su un aspetto molto importante per i clienti: questi ultimi avranno ancora la possibilità di continuare a pagare in contanti i dispositivi ...
 
 

23/11/2022

L’Unione al Congresso del commercio tedesco 2022 a Berlino

In occasione dell’edizione 2022 del Congresso del commercio tedesco tenutasi in questi giorni a Berlino, Alexander von Preen è stato eletto a grande maggioranza nuovo presidente della Federazione del commercio tedesco (HDE). Tra gli ...
 
 

22/11/2022

Novità: saranno ridotti i contributi legati al contratto collettivo

Buone notizie per i datori di lavoro nel commercio e nei servizi! L’Unione commercio turismo servizi Alto Adige e le organizzazioni sindacali di categoria hanno deciso, a partire dal 1° gennaio 2023, di ridurre i contributi di assistenza ...