Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
07/10/2020

Il futuro della pasticceria in Alto Adige

I pasticceri nell’Unione tra capacità di adattamento e flessibilità

Adattabilità e flessibilità non sono mai state tanto richieste come ora. Ma le sfide più grandi sono anche le opportunità più interessanti. A questa conclusione sono arrivati i pasticceri nell’Unione commercio turismo servizi Alto Adige al termine della loro Assemblea generale. I colleghi si sono incontrati recentemente al Degust di Varna, per definire gli obiettivi comuni per il 2021, ma anche per scambiare esperienze e opinioni in quest’epoca problematica.

“Sono molto contento che di poter curare insieme lo scambio personale. Per noi tutti è stato un anno difficile, ma insieme siamo anche riusciti a percorrere nuove strade”, ha ricordato il presidente Paul Wojnar nel suo intervento di saluti. Oltre alla relazione sull’attività del 2019, sono stati evidenziati anche i risultati presenti, come per esempio la partecipazione dei pasticceri alla fiera Hotel. Quest’anno produrranno i tradizionali cuori di castagne in formato mignon.

Interessanti notizie da altri settori alimentari sono state quindi fornite da Hansi Baumgartner, già chef stellato, che, nei panni di “affinatore”, si dedica alla riscoperta, selezione e affinamento di varie tipologie di formaggi. I pasticceri nell’Unione hanno gustato le sue specialità casearie.

In occasione dell’Assemblea generale i pasticceri hanno anche ringraziato il vicepresidente dimissionario Hannes Dollinger della pasticceria Hofer di Bolzano. Con la fine di settembre la pasticceria più antica di Bolzano ha chiuso i battenti. La pasticceria, presente dal 1845 in via Museo a Bolzano, era gestita dalla sesta generazione di titolari. “Siamo un’azienda della tradizione ricca di passione. La mia decisione non è stata presa a cuor leggero, ma ho perso la gioia per il mio lavoro. E ora, che il passo è stato compiuto, sono pronto per qualcosa di nuovo”, afferma Dollinger, che ha gestito la pasticceria con i genitori Christian e Margit. I pasticceri nell’Unione gli augurano di avere molto successo e tutto il meglio per il futuro.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Dott.ssa Petra Blasbichler

Segretaria di categoria
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 507
E-mail:
 
 
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

19/01/2021

Pagamenti compensativi per tutte le aziende a causa della crisi Covid

Nel corso del 2020, a causa della pandemia, moltissime aziende hanno dovuto affrontare un calo del fatturato, ricorda l’Unione. In questo periodo, per la grande maggioranza delle aziende, le preoccupazioni e l’incertezza di cosa porterà con sé il ...
 
 

15/01/2021

Per i fornitori delle aziende turistiche il tira e molla con l’inizio della stagione invernale è problematico

Con la sua funzione di collegamento tra Nord e Sud, la difficile situazione in Italia, Austria e Germania si riflette negativamente anche sulla liquidità delle aziende del commercio all’ingrosso in Alto Adige. “E siamo fortemente legati allo ...
 
 

05/01/2021

L’Unione accoglie con favore l’apertura di commercio e gastronomia

A partire da giovedì, 7 gennaio, l’intero settore commerciale nonché bar e ristoranti, potranno riprendere la propria attività. È quanto hanno deciso il presidente della Giunta provinciale Arno Kompatscher e l’assessore provinciale ...
 
 

30/12/2020

Unione e HGV insistono per la riapertura della gastronomia

I bar e le aziende della gastronomia devono poter riaprire il 7 gennaio. Questo è quanto richiedono con forza i presidenti di Unione Philipp Moser e dell’Unione albergatori e pubblici esercenti HGV Manfred Pinzger ...