Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
28/06/2019

Shopping serale in 30 città e paesi dell’Alto Adige

Siamo responsabili dello sviluppo urbano in Alto Adige

Il presidente dell'Unione Philipp Moser.
Circa 200 serate di shopping dotate di altrettanti ricchi programmi di contorno animeranno quest’anno le sere estive di 30 città e paesi dell’Alto Adige. “Quello realizzato dai nostri vivaci centri urbani è un programma interessante e attrattivo”, sottolinea il presidente dell’Unione Philipp Moser.

Il vero motore delle iniziative legate alle serate dello shopping sono soprattutto le molte piccole aziende a conduzione familiare. “Abbiamo ancora centri urbani vivi e vitali, con un commercio di vicinato perlopiù intatto. In altre realtà, anche nelle nostre immediate vicinanze, la situazione è diametralmente opposta, come accade per esempio nel Tirolo, dove in 57 Comuni – dieci dei quali con oltre 1.000 abitanti – non ci sono più negozi”, spiega Moser.

“Quando si tratta di rendere attrattivi, vivi e vitali e di sviluppare ulteriormente i nostri paesi, centri urbani, centri storici o quartieri, è nostro compito intervenire. In quest’ambito, oltre al commercio, giocano un ruolo fondamentale anche le aziende nei settori della gastronomia, dei servizi, degli affitti privati e dell’artigianato legato ai centri urbani”, ribadisce Moser. Centri urbani vivaci con elevate frequenze sono in grado di incentivare i circuiti economici locali. Paesi e città funzionanti sono inoltre la base per un’imprenditoria di successo e per un’elevata qualità della vita.

In questo l’Unione ricorda l’importanza della collaborazione tra turismo e commercio o, in altre parole, del contributo del commercio alla promozione delle destinazioni locali e, di conseguenza, al finanziamento delle associazioni turistiche. “Per quanto riguarda il contributo del commercio al dettaglio al finanziamento del marketing turistico, auspichiamo una regolamentazione unitaria. Il commercio è ben disposto a dare il proprio contributo alla promozione delle varie destinazioni turistiche se in tale modo si investe anche nello sviluppo delle località e nella visibilità del commercio”, precisa il presidente dell’Unione.

Nel corso dell’estate 2019, da Anterselva di mezzo fino a Villabassa, saranno moltissime le località in tutta la provincia a tenere aperti i propri negozi nelle ore serali – perlopiù tra le 20.00 e le 23.00. Ora, Lana, Scena e Ortisei hanno dato il via alle serate dello shopping già all’inizio di giugno; la maggioranza delle restanti località partiranno invece all’inizio di luglio per arrivare poi a inizio settembre. A fianco dell’offerta commerciale prolungata e della possibilità di godere di una passeggiata serale in centro, alcune località offriranno anche intrattenimento, musica e specialità culinarie.

Le seguenti 30 località organizzano le serate di shopping: Lasa, Laces, Silandro, Tirolo, Lana, Naturno, Scena, S. Leonardo in Passiria, Ora, Bolzano, Appiano, Caldaro, Castelrotto, Sarentino, Siusi, S. Cristina, Ortisei, Termeno, Trodena, Selva Gardena, Chiusa, Rio Pusteria, Anterselva di mezzo, Brunico, Corvara, S. Candido, Villabassa, Campo Tures, S. Vigilio di Marebbe e Dobbiaco.

Le date di tutte le serate di shopping in Alto Adige sono consultabili sul sito internet dell’Unione all’indirizzo www.unione-bz.it/shoppingserale.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

15/09/2020

Finalmente sussidi per i settori più colpiti dalla crisi

Fino a oggi il settore dei viaggi e degli eventi in Alto Adige, con i relativi collaboratori, aveva estrema necessità di interventi per assicurare la propria esistenza. “Per le agenzie viaggi e per i prestatori di servizi per eventi l’attuale crisi ...
 
 

14/09/2020

Raddoppiata l’esenzione fiscale per i beni ceduti ai collaboratori

Il limite per l’esenzione fiscale per i beni ceduti ai collaboratori (“fringe benefits”) è stato raddoppiato: con il “Decreto Agosto”, e solo per il periodo d’imposta 2020, l’importo del valore di beni ceduti e servizi erogati dalle ...
 
 

09/09/2020

Sì ai Mercatini di Natale con nuovi contenuti e progetti

“Gravemente negligente”: così l’Unione definisce l’invito di un’organizzazione sindacale di lingua tedesca di non tenere, per quest’anno, i tradizionali Mercatini di Natale, a grave danno dell’attrattività e della vitalità dei paesi e città ...
 
 

07/09/2020

La follia logistica nel commercio online

Le restituzioni – cioè le merci ordinate online e, semplicemente, rispedite indietro gratuitamente – sono una componente fondamentale del modello commerciale delle vendite online, generando però un enorme carico di lavoro e costi altrettanto ...