Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
09/09/2020

Sì ai Mercatini di Natale con nuovi contenuti e progetti

L’Unione: “Una mera cancellazione dimostra poca lungimiranza”

Il presidente dell’Unione Philipp Moser.
“Gravemente negligente”: così l’Unione definisce l’invito di un’organizzazione sindacale di lingua tedesca di non tenere, per quest’anno, i tradizionali Mercatini di Natale, a grave danno dell’attrattività e della vitalità dei paesi e città dell’Alto Adige.

“Proprio a causa della particolare fase che stiamo vivendo, abbiamo l’occasione unica di rielaborare questo marchio specifico dell’Alto Adige, ideando nuovi progetti e contenuti. Una semplice cancellazione o un rifiuto senza una nuova riflessione o un cambio di direzione, è un punto di vista poco lungimirante che non aiuta nessuno”, afferma il presidente dell’Unione Philipp Moser.

Il nuovo orientamento potrebbe far sì che i Mercatini di Natale siano meno un’attrazione per i turisti quanto più rivolti alla popolazione locale. Il tempo per introdurre nuovi contenut è sicuramente limitato, ma già le previste prescrizioni in materia di sicurezza e contingentamento consentono di eliminare il pericolo di assembramento.

L’Unione ricorda anche che, in tutta Europa, in Italia, ma anche in Alto Adige, paesi e città perdono frequenze, con effetti negativi su tutte le aziende – e relativi collaboratori – presenti nei centri abitati, sia nel settore commerciale che nella gastronomia, nei servizi e nell’artigianato. “Tra i motivi di questo calo nelle frequenze ci sono, per esempio, i sempre più numerosi acquisti presso i giganti del commercio online, la riduzione degli ospiti nei centri urbani degli ultimi mesi e anche il sempre più utilizzato smart working”, precisa Moser.

“Ciò che è sicuro è che bisogna agire per il futuro dei nostri centri urbani – là, dove si acquista e si consuma. Le località dell’Alto Adige vivono della loro attrattività, qualità della vita e frequenze delle persone che vi si muovono e vi sostano. Bisogna conservare le caratteristiche fondamentali dei nostri centri urbani vitali, facendo sì che rimangano punti di attrazione per le persone e luoghi ove le aziende possano lavorare con i rispettivi collaboratori”, conclude Moser.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

19/10/2020

Coronavirus e gastronomia: consumo di pietanze dalle ore 18.00

Secondo l’ordinanza d’urgenza del presidente della Giunta provinciale nr. 45/2020 del 16 ottobre 2020, a partire dalle ore 18.00, il consumo di pietanze e bevande nella gastronomia è permesso solo con servizio dei clienti seduti ai rispettivi posti ...
 
 

19/10/2020

Regola 1/5: limitazione del numero di clienti nei negozi

Dato l’aumento dei controlli e delle sanzioni da parte delle autorità, ricordiamo ai nostri collaboratori che, negli ambienti commerciali, è permesso ammettere solo un numero limitato di clienti. La regola da seguire è quella 1/5 (5 metri quadrati ...
 
 

16/10/2020

Covid-19 e gastronomia, nuove restrizioni

La crescita dei casi di positività al Covid-19 avvenuta negli ultimi giorni ha spinto il presidente della Giunta provinciale Arno Kompatscher, a intraprendere nuove misure riguardanti l'intero territorio provinciale. La rispettiva nuova ordinanza ...
 
 

15/10/2020

Bar, ristoranti e alberghi di paese: incentivi dalla Provincia

A supporto della funzione economica e sociale di bar, ristoranti e alberghi di paese, la Giunta provinciale ha dato via libera agli incentivi straordinari per l'apertura e il mantenimento. Possono accedere alle agevolazioni bar o ristoranti che ...