Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
30/08/2019

Formazione duale per venditori: come strutturare le lezioni in futuro?

L’Unione conduce un sondaggio tra le aziende

Come le aziende commerciali dell’Alto Adige valutano l’attuale modello di formazione duale per il mestiere di venditore è quanto l’Unione ha voluto approfondire per mezzo di un sondaggio a livello provinciale. “Obiettivo di questa indagine è stato scoprire la misura in cui l’insegnamento a blocchi contribuisca all’attuale riduzione del numero di apprendisti nel commercio, e se un altro modello di distribuzione delle lezioni sarebbe in grado di cambiare questa situazione”, spiega il presidente dell’Unione Philipp Moser. Attualmente, per gli apprendisti, nel corso dell’anno scolastico sono previsti due blocchi di lezioni da cinque settimane ciascuno, durante i quali mancano dal lavoro in azienda. Soprattutto nel settore alimentare lavorano sempre meno apprendisti: dei 587 apprendisti iscritti nelle scuole professionali in ambito commerciale, il settore alimentare ne occupa solo 67.

Il sondaggio ha rilevato che una ristrutturazione della formazione scolastica nel corso dell’apprendistato nella vendita è auspicata da una grande maggioranza (73 percento) delle aziende interpellate. Di esse, il 58 percento si è espresso a favore di un’unità didattica da tenersi una volta alla settimana. Il 27 percento delle aziende, al contrario, si è detto soddisfatto dell’attuale sistema formativo.

In riferimento alle assunzioni di apprendisti, il sondaggio ha evidenziato che una modifica delle unità didattiche porterebbe a un risultato nettamente positivo: oltre il 53 percento delle aziende ha infatti ammesso che, a fronte dell’abolizione dell’insegnamento a blocchi e della reintroduzione delle lezioni settimanali, tornerebbe ad assumere un apprendista ovvero incrementerebbe il numero di apprendisti presenti in azienda. Il numero di apprendisti salirebbe in questo modo di circa l’88 percento.

“I risultati sono chiari: possiamo sicuramente dedurre che una modifica della formazione nell’ambito della vendita porterebbe, almeno sul medio termine, a un aumento del numero degli apprendisti e, di conseguenza, a una valorizzazione dell’intero percorso di apprendistato”, sottolinea Moser con convinzione.

Per l’Unione il mestiere di venditore è da sempre considerato un lavoro qualificato, che dovrebbe essere valorizzato e tenuto in considerazione di conseguenza. “I giovani con una formazione qualificata sono molto richiesti dalle aziende e dai negozi specializzati dell’Alto Adige, e hanno quindi buone chance sul mercato del lavoro, anche dal punto di vista di una retribuzione adeguata alle loro prestazioni e competenze professionali. Si tratta di un mestiere ad alto tasso di consulenza che, almeno nella maggioranza dei casi, prevede contratti di lavoro a tempo indeterminato”, conclude Moser. L’Unione fornisce informazioni su questo e altri 18 profili professionali nel settore del commercio e dei servizi per mezzo della sua nuova pagina informativa myway.bz.it.
 
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Sarah Seebacher, MA

Formazione professionale e progetti per i giovani
Responsabile
Sede: Bolzano
 
T: 0471 310 510
E-mail:
 
 
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

18/10/2019

Legge di bilancio 2020

L’obbligo di accettare pagamenti con bancomat da parte dei clienti di esercizi commerciali, prestatori di servizi e liberi professionisti esiste in Italia fin dal 2014. Ora, però, la proposta di bilancio per il 2020 prevede una nuova e doppia ...
 
 

17/10/2019

Urbanistica, nuova legge provinciale “Territorio e paesaggio”

La nuova legge provinciale in materia di urbanistica deve entrare in vigore come previsto il 1° gennaio 2020: anche l’Unione auspica che l’entrata in vigore della nuova norma sia mantenuta come da programma. “Le aziende del settore commercio e ...
 
 

16/10/2019

Settore IT in Alto Adige: più visibilità per giovani e studenti

“Spinto dall’innovazione tecnologica globale, il mercato delle tecnologie dell’informazione si rinnova più velocemente di qualsiasi altro”, afferma il presidente dei prestatori di servizi IT e internet nell’Unione Alexander Fill in occasione del ...
 
 

15/10/2019

Assemblea generale dei panificatori nell’Unione

In occasione della Fiera Hotel si è tenuta oggi (martedì, 15 ottobre 2019) l’annuale assemblea generale dei panificatori nell’Unione. Con circa 120 aziende associate e oltre 260 punti vendita i panificatori altoatesini nell’Unione sono una ...