13/04/2022

L’Unione in Val Pusteria traccia un bilancio della stagione invernale

C: IDM Südtirol-Alto Adige/Harald Wisthaler
Con la settimana di Pasqua ha termine la stagione invernale in Val Pusteria. Guardando indietro ai mesi appena trascorsi, il Mandamento della Val Pusteria dell’Unione traccia un bilancio complessivamente positivo. “Soprattutto per il commercio è stato importante poter tenere aperti i negozi nonostante l’elevato numero di contagi nel periodo invernale e permettere in questo modo agli imprenditori e ai loro collaboratori di poter proseguire col loro lavoro”, riassume il presidente mandamentale dell’Unione Daniel Schönhuber. Nei Comuni turistici si è invece percepita la minore propensione all’acquisto degli ospiti provenienti da vicino e lontano. “I Comuni a minore vocazione turistica hanno fatto sicuramente più fatica. Purtroppo, dopo la pandemia, siamo chiamati ad affrontare problemi ancor più seri”, spiega Schönhuber.

Il coronavirus ha modificato le abitudini d’acquisto anche dei residenti. Si compra di più online e la frequenza della popolazione locale nei centri urbani è calata fortemente. “Insieme alla politica, siamo ora chiamati a rendere i nostri paesi e città nuovamente attrattivi per la popolazione locale, con l’obiettivo che la visita in centro torni a essere un momento insostituibile della giornata. Attualmente è facile vedere come la popolazione locale sia venuta a mancare del tutto”, afferma il presidente mandamentale. Per la vitalità dei centri urbani e storici è stato importante poter tornare a organizzare eventi nelle zone centrali di paesi e città.

Oltre a tutto questo, cresce anche il prezzo dell’energia. “Sono dell’opinione che questi aumenti stiano colpendo il commercio al dettaglio più di quanto fatto dalla pandemia. Finora, inoltre, non si parla di sostegni economici e il commercio non può e non vuole adeguare i prezzi alle nuove circostanze”, sottolinea Schönhuber.

Il coronavirus non ha mollato la presa nemmeno a livello dei produttori, con la conseguenza che i commercianti non hanno potuto essere riforniti puntualmente per soddisfare le richieste dei propri clienti. E, non da ultimo, ci sono molte aziende che stanno cercando collaboratori e non riescono a trovarli. La carenza di personale è in una fase assai acuta.

“Nonostante tutte le sfide credo di poter guardare al futuro con positività. Ci sono segnali del fatto che l’estate 2022, come già la scorsa, porterà molti ospiti in Val Pusteria, permettendo anche a commercio, servizi e gastronomia di potersi riprendere lentamente”, conclude con ottimismo il presidente del Mandamento.
 
Il presidente mandamentale dell’Unione Daniel Schönhuber.
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Il tuo interlocutore

 
 

Willy Marinoni

Caposede Val Pusteria
Sede: Brunico
 
T: 0474 537 722
M: 335 6422 124
E-mail:
 
 
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

20/09/2022

Aumento dei prezzi dell’energia, l'Unione lancia l'allarme

L’Unione lancia l’allarme: le aziende non sono più in grado di sopportare il peso dell’aumento dei costi dell’energia. L’Unione richiede interventi di sostegno immediati e urgenti da parte della politica, con l’obiettivo di salvare ...
 
 

15/09/2022

La categoria Film nell’Unione elegge il nuovo direttivo

In questi giorni, la nuova categoria Film nell’Unione commercio turismo servizi Alto Adige ha tenuto la sua prima assemblea generale compresa di elezioni per la nomina dei vertici del gruppo. Nel nuovo direttivo, ora eletto ufficialmente, sono stati ...
 
 

08/09/2022

Vivace zona rurale ai Sustainability Days

Nell’ambito dei Sustainability Days, le giornate dedicate alla sostenibilità a Bolzano, Unione e Ufficio commercio e servizi hanno invitato a un vasto programma di contorno tra Bressanone e Vipiteno, la cui attenzione è stata rivolta principalmente ...
 
 

02/09/2022

Prezzo energia: rincari ormai insopportabili per aziende e famiglie

I numeri sono spaventosi: nel 2022, in Italia, i costi energetici nel solo settore commercio, gastronomia e servizi hanno raggiunto quota 33 miliardi di euro, il triplo rispetto al 2021 (11 miliardi) e il doppio ...