04/05/2022

Il settore della moda e dell’abbigliamento in Alto Adige affronta gravi difficoltà

Presidente Moser: “Digitalizzare le aziende e incrementare le frequenze!”

I numeri parlano da soli: a confronto con l’anno pre-pandemico 2019, il settore della moda e dell’abbigliamento nel commercio al dettaglio nei paesi dell’Alto Adige segna un calo di fatturato di circa il 30 percento, mentre nelle aree cittadine il calo va dal 15 al 20 percento. “In questi settori le aziende lottano da mesi contro gravi difficoltà”, sintetizza il presidente dell’Unione commercio turismo servizi Alto Adige Philipp Moser riassumendo la situazione. I motivi sono molteplici. “Negli ultimi due anni il comportamento d’acquisto è cambiato moltissimo. I consumatori locali si sono allontanati, non frequentano più i negozi locali come prima, comprano meno o trasferiscono i propri acquisti in rete, sulle grandi piattaforme online”, spiega Moser. Oltre a questo, per lungo tempo è mancata la clientela formata da ospiti e turisti, e comunque sono mutate anche le loro abitudini d’acquisto.

Un altro problema è il massiccio rincaro delle materie prime e del costo dell’energia. “E soprattutto il settore degli articoli sportivi deve lottare contro serie difficoltà nelle forniture. Alcune merci semplicemente non vengono più fornite”, sottolinea il presidente dell’Unione.

Cosa fare, quindi? “Due cose sono decisive: da un lato le aziende devono investire nella propria digitalizzazione, così da essere presenti sul mercato ed essere trovare più facilmente. Dall’altro lato bisogna anche investire nello sviluppo urbano”, elenca Moser. Nonostante tutta la digitalizzazione, infatti, i paesi e le città dell’Alto Adige vivono della loro attrattività e vitalità e delle relative frequenze delle persone che vi si muovono e vi si intrattengono.

Pericolo inflazione


Un ultimo appello viene infine rivolto dall’Unione alla politica: “Deve essere fatto tutto il possibile per diminuire l’attuale inflazione – con l’obiettivo di rafforzare il potere d’acquisto. Altrimenti il problema diventerà un pericolo ancor più grave per noi tutti”, sottolinea il presidente dell’Unione.
 
Il presidente dell’Unione Philipp Moser.
 
 
 
 
 
 
Condividi. Consiglia questa news ai tuoi amici.
 
 
 

Potrebbe interessarti anche
 

04/08/2022

Apprendisti, dalle lezioni a blocchi a quelle annuali

Un sondaggio condotto dall’Unione tra le aziende associate ha rilevato che, per gli apprendisti nel settore della vendita, la grande maggioranza delle imprese intervistate preferisce il modello delle lezioni annuali rispetto all’attuale suddivisione ...
 
 

03/08/2022

Il barometro dell’economia per il commercio

La rilevazione estiva del Barometro dell’economia dell’IRE – Istituto di ricerca economica della Camera di commercio di Bolzano mostra una situazione ancora positiva per il commercio all’ingrosso altoatesino, con quasi nove imprese su dieci che ...
 
 

26/07/2022

“Sfruttare le sinergie e far crescere l’Alto Adige come location cinematografica”

I produttori cinematografici dell’Alto Adige si sono dati degli obiettivi comuni e hanno quindi deciso di dare vita a una specifica categoria professionale in seno all’Unione commercio turismo servizi Alto Adige. La rappresentanza di interessi ...
 
 

22/07/2022

“Trovate il coraggio di diventare imprenditori!”

Per promuovere l'imprenditoria giovanile in Alto Adige, l'Unione ha organizzato per la prima volta quest’anno, questa settimana, un evento speciale sul tema dell'imprenditoria dedicato ai giovani. In ognuna delle tre diverse serate, presso la sede ...